domenica 27 maggio 2012

Dedicato agli ellissoidi che sostengono Assad (ovvero la storia di un ravvedimento operoso)




Homs, Siria. Terroristi Wahabiti abbattuti dall'eroico esercito di Assad. Età compresa tra i 3 e gli 11 anni.
Claudio Martini
Ieri il regime siriano ha bombardato un sobborgo di Homs, città martire, uccidendo svariate decine di persone, molte delle quali bambini (qui sopra potete vederne le spoglie). Niente di così strano: il regime massacra i siriani da più di un anno con tale intensità e ferocia che quasi ci sfugge il motivo per cui il mainstream, solitamente silente su questo tema, abbia dedicato un poco della sua attenzione a quelle piccole vittime. Per una volta, sorprendentemente, il regime siriano non nega che l'eccidio ci sia stato, anche se ne addossa la responsabilità ai ribelli. Il che è ridicolo, dato che le vittime sono state colpite da bombe, e i ribelli non dispongono di aerei, cannoni o carri armati.

Ma c'è anche chi sta peggio dei cittadini siriani, e sono i locali adoratori di Assad. Costoro, da mesi, mettono in dubbio l'attendibilità delle notizie che descrivono il genocidio siriano, allo scopo, con le parole dell'ottimo Germano Monti, di "prevenire la nascita di un movimento di solidarietà con la rivoluzione siriana". Ora gli adoratori si trovano nel caos più completo, visto che il loro Idolo l'ha fatta decisamente troppo grossa, e si affannano nel cercare di tamponare la falla (un buon esempio del loro panico si può trovare qui).


Tuttavia gli "avvelenatori dei pozzi" (come da Monti) generalmente non sono in grado di produrre da sé il veleno che utilizzano: le loro fonti sono altre, e consistono (veline di regime a parte) in un manipolo di "giornalisti" e autori web i quali, dal Canada come dalla Russia, dalla Francia come dagli USA si dedicano forsennatamente a diffondere notizie false, distorcere notizie vere, minimizzare, relativizzare, giustificare... 

Uno di questi autori era il professore belga Pierre Piccinin, che qui potete vedere in posa con sua Eccellenza Bashar Assad.


Perché "era"?
Leggete la sua storia, scritta da Mary Rizzo, pubblicata da Uruknet e indegnamente tradotta dal sottoscritto. Un riassunto anche qui.

Da non credere...

"Frequentemente citato dai siti di controinformazione, ospite di Russia Today dove ha previsto magnifiche sorti per Assad e smascherato falsità nella "narrativa" delle opposizioni e dei media occidentali, Pierre Piccinin ha vissuto un drammatico stravolgimento dopo aver finalmente sperimentato la realtà siriana, l'arresto arbitrario e gli abusi fisici. Adesso egli scrive:

"Dopo aver visto l'orrore e tutti quegli uomini orribilmente mutilati dai barbari al servizio di un dittatura di cui neppuro immaginavo il grado di ferocia adesso sono d'accordo con loro, voglio un intervento militare in Siria, un intervento che rovesci l'abominevole regime del Baath, anche se il paese dovesse scivolare nella guerra civile se questo è necessario, bisogna provarci, bisogna porre fine a 42 anni di terrore organizzato a livelli di cui non avevo la minima idea":

Il suo sito costituiva un vero e proprio giacimento per i siti anti-imperialisti, e sopratutto per quelli pro-Assad.  Prendiamo ad esempio questo brano:

Nella sua intervista al noto quotidiano Turco Hurryet, Pierre Piccinin ha affermato di poter testimoniare come le sedi delle autorità siriane siano state oggetto di attacchi da parte di bande armate a Homs, Hama e Damasco. Egli ha anche menzionato la debolezza delle cosidette opposizioni e il silenzio dei media sulle grandi manifestazioni a sostegno del governo siriano. 
 
Lo studioso francese (in realtà è belga) ha anche dichiarato a Hurryet che i media arabi come quelli occidentali non ritraggono fedelmente la situazione siriana. (...) In linea con autori come Lizzie Phelan, Webster Tarpley e Thierry Meyssan, Pierre Piccinin afferma che alla luce della sua esperienza personale in Siria la copertura mediatica dei fatti siriani si pone in contrasto con la realtà. Anche i governi occidentali sarebbero coinvolti in questa operazione di propaganda. Negli ultimi mesi Pierre ha visitato due volte la Siria e non ha avuto timore di recarsi anche ad Hama e Homs.

Ma quando ha fatto ritorno dall'ultimo viaggio in Siria Piccinin ha scritto sulla sua pagina Facebook, peraltro frequentata da molti sostenitori di Assad:
Di ritorno a Bruxelles. Un po' provato, ma sto bene. Ringrazio tutti quelli che mi hanno sostenuto via FB o per mail durante i miei sei giorni di carcere in Siria. Ringrazio anche i miei compagni di prigionia che si trovano ancora là.
Cosa è accaduto
Mentre stavo cercando di disegnare una mappa della ribellione siriana, sono stato arrestato il 17 maggio dai servizi segreti siriani, vicino alla città di Tal-Calah, al confine con il Libano settentrionale, dove ero sulla strada di Idlib. Dopo poche ore sono stato trasferito nella sede dei servizi segreti di Homs, dove sono stato "interrogato" da agenti convinti che io fossi una spia francese che cercava contatti con i ribelli. Poi mi hanno portato nel Braccio Palestina nella sede dei servizi di Damasco, dove sono stato nuovamente interrogato (stavolta più umanamente).
 Quando hanno capito che non rappresentavo una minaccia mi hanno gettato in un sotteraneo, per poi espellermi. Con qualche aiuto sono riuscito a far pervenire un messaggio all'ambasciata belga, che si è adoperata in tutti i modi per liberarmi. Li ringrazio per la loro straordinaria efficienza.

Ora sono a casa, a Bruxelles. I miei sei giorni di inferno, la notte in cui sono stato interrogato ad Homs, e sopratutto le torture inflitte ai miei compagni di prigionia, molto più dure di quelle riservate a me, hanno rappresentato un'intensa sofferenza sul piano fisico come su quello psicologico. E nondimeno ringrazio Dio per avermi fatto precipitare in quel luogo di dolore, perché ora posso testimonare per conto di tutti quelli che ho lasciato laggiù.

Fino a questo momento, con riferimento alla Siria, ho sempre difeso i principi Westfaliani di diritto internazionale, sovranità nazionale e non ingerenza; ma dopo aver visto l'orrore e tutti quegli uomini orribilmente mutilati dai barbari al servizio di un dittatura di cui neppuro immaginavo il grado di ferocia adesso sono d'accordo con loro, voglio un intervento militare in Siria, un intervento che rovesci l'abominevole regime del Baath, anche se il paese dovesse scivolare nella guerra civile se questo è necessario, bisogna provarci, bisogna porre fine a 42 anni di terrore organizzato a livelli di cui non avevo la minima idea". (...)
Fuck this bloody bastard regime! (in inglese nell'originale)


È facile immaginare come abbiano reagito i suoi amici pro-Assad. Prima era il massimo dell'obiettività, come quando scriveva:

Certamente in molti sono stati uccisi nel conflitto. Ma i media parlano di repressione governativa. Se il governo attaccasse manifestazioni pacifiche, allora la potremmo definire repressione, ma il governo siriano sta affrontando un esercito con base in Libano e in Turchia, finanziato dal Qatar, e addestrato dalla Francia; non si può dunque parlare di repressione. Il regime sta difendendo il suo territorio da un attacco straniero. 

adesso lo accusano di essersi inventato tutto:

è stato detenuto per due giorni e mezzo a Damasco,e  non sei, e non è mai stato incarcerato a Homs. Non avrebbe quindi potuto vedere le scene orribili che dice di aver visto. Ha richiesto l'assistenza dell'ambasciata, e gli è stata immediatamente concessa. Considerato come un bugiardo patologico e non come una spia, è stato immediatamente espulso.

Un vero rompicapo per chi leggeva i suoi articoli. Mentiva quando sosteneva Assad? Oppure sta mentendo adesso?"

Povero Piccinin! Ovviamente sbagliava prima e sbaglia adesso, visto che un intervento della Nato (ancorché improbabile) non farebbe altro che aggravare la situazione. E però c'è di che riflettere, sopratutto per gli adoratori del Re di Damasco. 






31 commenti:

  1. Intanto gli ellissoidi sono quelli della BBC e anche un poco voi a riportare le notizie senza almeno verificare per bene le fonti. E quando si parla di Siria si dovrebbero senmpre verificare.

    http://shineyourlight-shineyourlight.blogspot.ca/2012/01/9-nike-years-of-war-in-iraq.html

    Da:
    http://landdestroyer.blogspot.com/2012/05/bbc-deceitfully-posts-images-from-iraq.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi riferisco alla foto, che non è dell Siria, ma dell'Iraq.

      Elimina
    2. Ecco fatto, sostituita la foto. Non ho neanche verificato i tuoi link, una foto vale l'altra, visto che sono centinaia (per non parlare dei video). Contento? Se vuoi te ne do un'altra, questa è davvero carina

      http://sphotos.xx.fbcdn.net/hphotos-snc7/p480x480/578277_358783177509307_358731857514439_914550_216052407_n.jpg

      Meno male che ci sono le persone come te che colgono sempre l'aspetto più importante delle questioni.

      Elimina
    3. le foto, in un mondo mediatico, sono MOLTO IMPORTANTI, chi non ricorda le foto e i video delle tombe degli eccidi in Libia che poi erano un falso clamoroso (si trattava di un cimitero di morti del mare di un anno prima e non morti a causa del regime Libico) , ma tali foto e filmati sono serviti a giustificare un attacco alla libia da parte NOSTRA, con un dispendio di vite ed economico spaventoso... ed oggi i risultati della grande civiltà che abbiamo saputo portare in libia come in iraq come in Afganistan si vedono eccome !!!!

      Elimina
    4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    5. Se sei l'anonimo di prima, alcune immagini le trovi sopra. Se sei sinceramente preoccupato che la Siria faccia la fine della Libia, ti dico due cose:

      a) innanzitutto tranquillizzati, non succederà mai. Se avessero voluto lo avrebbero già fatto, e innumerevoli indizi ci dicono che non vogliono (fatti un giro sul blog).

      b) se si vuole evitarem il conflitto di sicuro non è una grande strategia negare l'evidenza. Al di fuori della blogosfera il 99% delle persone sa che la Siria è un regime brutale, e il 99% più o meno sa che sparano contro i civili. Se tu, da pacifista, ti rivolgi alla gente negando questi fatti fai la figura dell'arrrampicatore sugli specchi, screditando la stessa posizione anti-guerra.

      Elimina
  2. meno male che ci siete voi così pieni di certezze,la storia vi ha sempre dato torto e lo farà pure stavolta,grazie per avermi fatto capire chi siete

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prego. In effetti ci voleva un aiutino. Vai, vai.

      Elimina
  3. Secondo voi, dopo tutto quello che e' successo in Libia, il governo di Assad potrebbe mai voler ammazzare dei bambini e scatenarsi addosso l'intero occidente?

    Potrebbe mai, Assad, dare il comando di entrare nelle case e di ammazzare dei bambini e sterminare intere famiglie con cortelli?

    Non vi viene nemmeno il dubbio che forse vi siano dei gruppi di terroristi, finanziati ed armati da alcuni gruppi di interesse occidentali che hanno lo scopo di creare disordine e convincere la Russia e la Cina ad approvare i loro piani?
    Dovremmo aver imparato qualcosa dalla storia, ma continuiamo a vedere solo quello che ci racconta il main stream (e non mi riferisco a voi).

    RispondiElimina
  4. Conosciamo perfettamente i meccanismi di manipolazione mediatica e di creazione del "mostro da abbattere" che sono stati utilizzati dagli USA e dalla NATO per giustificare le loro sporche guerre. E' stato così con i talebani, con Saddam e con Gheddafi. Riteniamo però che per quanto riguarda la Siria, e l'Iran, le cose stiano diversamente.
    Abbiamo cioè ragione di credere che gli USA, sotto sotto, non vogliano affatto distruggere il sistema di potere di Assad, né tantomeno quello iraniano.
    In Iraq infatti lasciano un governo "vicino" a Teheran, e in Siria iniziano a parlare di "soluzione yemenita", che salvaguarderebbe l'attuale struttura di potere.
    Questa è la questione che poniamo a chi ha voglia di provare a capire le cose senza farsi condizionare troppo da schemi preconcetti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma non capisco da cosa differisca allora la vostra visione da quella della BBC e della CNN? Insomma, io non trovo nulla di interessante su questo post, se non un eco della propaganda di guerra.

      vocidallestero.blogspot.com/2012/05/la-bbc-beccata-fare-falsa-propaganda.html

      Elimina
    2. E quindi la storia di Piccinin sarebbe propaganda di guerra. Formidabile.

      Elimina
  5. Claudio Martini chi,l'ex pres della Regione Toscana ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto. Ritirato dalla vita politica, adesso mi occupo di questioni internazionali.

      Elimina
    2. Ovviamente è una battuta, basta guardare su "gli autori di questo blog", in alto a destra...

      Elimina
  6. ho visto alcune foto dei corpi dei bambini deceduti, ma non sembrano a causa di bombardamenti. Non c'è la classica polvere e non ci sono ferite estese sui corpi, sembrano piuttosto giustiziati. per cui la tesi del bombardamento delle forze governative non regge. Tantopiù è strano vedere tanti bambini morti e nessun adulto, sembrerebbe proprio una azione mirata a sensazionalizzare l'accaduto di fronte al mondo intero ? Comunque rimango aperto a ulteriori valutazioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Al tuo servizio.

      Bombardamenti

      http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=fmvVmP8WvZ0

      http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=Q9pXAWyPz1o

      http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=47CE5XOH4U8

      http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=yzyFiELMoZ4

      qui vicino a Damasco

      http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=_RnaVikYVA0

      qui a Idlib

      http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=GjfKWohZEzE


      Adulti morti

      http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=U3oj-Mgt3Gs

      http://www.youtube.com/verify_controversy?next_url=/watch%3Ffeature%3Dplayer_embedded%26v%3DrgnDhO3tB0A

      http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=9ayj4wW6kWo

      http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=FYRvxzbOHqA

      http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=YvdMuZL5yUg

      Elimina
    2. Questi video non provano nulla. Non si vede chi ha sparato, non si vede chi ha incendiato e contro chi. Potrebbero essere state tranquillamente i terroristi che sono in azione in Siria. Sempre quelli armati dall'occidente.

      Elimina
    3. Quante volte ho sentito questo tipo di risposta! Siete fantastici. La regola è sempre la stessa: negare l'evidenza, senza sosta, senza vergogna.

      Sai cosa potresti fare? Potresti recarti in Siria, così potresti verificare tu stesso cosa sta accadendo. Non è una bella idea! Vai, poi ci racconti.

      Elimina
    4. MMi chiamo mattia, per intenderci sono l'anonimo che si chiedeva come mai i corpi non sono coperti di polvere dei crolli dei bombardamenti o bruciati dalle esplosioni. E' sempre difficile giudicare sulla base delle prime immagini e informazioni che giungono, ma purtroppo siamo condizionati dalla esperienza che ci insegna che le precedenti "rivoluzioni" e violenze (Iraq, mai trovato le armi di distruzione di massa - Egitto e Libia)sono state perlopiù una montatura per ottenere il cambio di regime a favore del caos necessario al dominio. Del resto basta vedere la situazione attuale in questi paesi per capire che NON SIAMO PORTATORI DI DEMOCRAZIA. Dovremo invece preoccuparci della Democrazia nei confronti di paesi verso i quali di certo abbiamo una maggiore influenza (paesi amici) e che fanno di peggio del governo Siriano, fra questi Israele verso i palestinesi... non si può sempre guardare con sospetto (ancora non è chiara la situazione Siriana)gli altri se prima non si è fatto lo stesso in casa propria !!!

      Elimina
  7. Martini verifichi se la BBC ha tolto le foto dal sito, sa perchè le ha tolte? perchè sono foto dell'Iraq di anni fa, come le fosse comuni a Tripoli, ennesimo fake su cui gli embedded ricamano il loro stipendio.
    Dedicato ai pennivendoli che non rischieranno mai la vita ( manco lo stipendio ) per approfondire le menzogne dei politici.

    RispondiElimina
  8. leggo da ansa che in Italia, Francia,Inghilterra e Germania sono stati espulsi gli ambasciatori Siriani a seguito della ultima strage, perchè non viene fatto lo stesso quando Israele attacca con armi devastanti i civili palestinesi ed uccide i Bambini ? ormai da oltre 20 anni e più ? Perchè siamo così ipocriti e malvagi?
    Un abbraccio a tutti
    Mattia

    RispondiElimina
  9. premessa: non sono ne pro-assad(putin) ne pro-nato
    ma insomma, abbiamo delle consorterie militar-industriali che stanno giocando la loro partita come sempre sulla pelle delle persone e in un sito come questo invece di un'analisi (come mi aspettavo) ritrovo un pezzo insulso che cuce insieme una "notizia(?)" e una testimonianza di un'improbabile candide ex innamorato di assad che pensava di andare a fare una scampagnata nel bel mezzo di una guerra civile.
    possibile che anche qui queste questioni debbano concludersi in tifoseria da stadio?
    mi dispiace ma avete perso parecchi punti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perdere punti agli occhi degli ellissoidi equivale a guadagnarli agli occhi delle persone sane di mente, che per fortuna sono ancora la maggioranza (fuori dal web)

      Elimina
    2. risposta che conferma pienamente e tristemente il mio post di cui evidentemente non hai letto nemmeno la premessa.
      solo mi chiedo cosa abbiano da spartire due persone pensanti come badiale e tringali con individui capaci soltanto di rigurgiti da tifoseria calcisitca

      Elimina
    3. Ma vai a dormire, vai. Badiale e Tringali sono assolutamente con me su questa vicenda. La tifoseria calcistica non c'entra nulla. Noi non abbiamo fatto altro che riportare dati e notizie. Chiaramente, quando questi dati e notizie non vanno nel senso favorevole a ciò che si vuole credere allora le si bolla come tifo da stadio. La "premessa" al tuo "post" l'ho letta, tranquillo, e consiste in quattro frasette precotte messe lì per insultare noi e screditare l'articolo. Ciò che conferma la tua natura di troll, oltre che di di ellissoide.

      Elimina
  10. @Claudio
    sai quanti piccinin ci sono? te ne presento uno che si chiama cristiano tinazzi,scrivono a favore dei regimi per farsi accreditare, una volta sul posto gli si ritorcono contro è storia vecchia,informati,sempre se ti ritieni uno aperto al dialogo e sei disposto a parlare pure coi dementi

    RispondiElimina
  11. http://www.sibialiria.org/wordpress/?page_id=166

    http://www.sibialiria.org/wordpress/?p=333

    RispondiElimina
  12. noto che sono sempre nei tuoi sogni, piccolo rosso, il che mi fa un poco preoccupare a livello di stalking...puoi cittare un link dove io avrei scritto a favore di regimi?

    RispondiElimina
  13. Alla fine scoprirete che dare degli ellissoidi a qualcuno e' sbagliato. Ed e' prematuro dare per buone notizie provenienti dal fronte di guerra.

    Leggetevi questo:
    http://www.comedonchisciotte.org/site//modules.php?name=News&file=article&sid=10422

    RispondiElimina
  14. Beh,se facciamo il conti di immagini e video,sapere quali i veri e quali i falsi...facciamo notte.
    Potre prendere la dal Ponte che attribuiva armi chimiche ai golpisti,le immagini di altri massacri.....ma non avrebbe alcun senso,così è una guerra civile,ce n'è per tutti.
    Al Jazeera ci abituati in Libia con le bufale...
    La testimonianza di Piccinin è patetica....disegnava mappe dellìopposizione!..e come avrebbero dovuto comportarsi i soldati....con tutte le spier che circolano...accertata la verotà,l'hanno liberato dopo non so quanto carcere....di che si lamenta...sulle zxone di guerra è successo a tanti suoi colleghi...già,qual'è la vera versione...?
    Per il resto ci sono anche i quadrangoloidi che credono a questa finta rivoluzione di golpisti.
    E meno male che in un post si parlava che gli estensori non avevano tesi precostituite....è ovvio che poi le risposte sono dello stesso tenore

    RispondiElimina