sabato 8 marzo 2014

Mezze ammissioni, e una segnalazione

In un articolo sul supplemento di economia del "Corriere" di lunedì 3 marzo ("Euro troppo forte: un pericolo da non ignorare"), che purtroppo non riesco a trovare in rete, Danilo Taino solleva il dubbio che la forza dell'euro non sia esattamente un bene:


"nonostante l'aumento dei tassi di interesse in America, il dollaro resta debole rispetto all'euro; e il recente improvviso deprezzamento del renminbi cinese pone altri problemi di competitività all'economia dell'Eurozona, anche alle esportazioni italiane fuori dal continente. Problema molto serio, la forza dell'euro, nella stagnante Europa."


Così scopriamo che una moneta forte non è sempre un vantaggio. Qualcosa del genere deve averlo detto anche Prodi, ma non ricordo dove. Chi ci segue sa che l'euro rappresenta un problema anche negli scambi interni all'eurozona, ma questo naturalmente né Prodi né Taino arrivano a dirlo.




Cambiando argomento (ma non tanto), approfitto di questo post per segnalare un articolo di Enrico Grazzini, che sostiene l'idea dell'euro come moneta comune, come "eurobancor". Idea della quale abbiamo più volte parlato in questo blog, per esempio qui, qui e qui. Avevamo anche già discusso un intervento di Grazzini in questo senso. La cosa interessante è che l'intervento che segnaliamo oggi è apparso su "Sbilanciamoci", da sempre ostile alle posizioni anti-euro.
(M.B.)

5 commenti:

  1. Questa non è una mezza ammissione, è una confessione sul vero intendo della lista Tsipras:

    http://www.tubechop.com/watch/2219029

    Lo scovato via rischio calcolato che riprendeva da kappadipicche.com

    A proposito della sinistra che ha capito tutto. A futura memoria...

    Riccardo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Notevole, in effetti. Grazie della segnalazione

      Elimina
  2. Segnalo intervista a Paolo Savona
    http://www.giornaledellumbria.it/article/article156133.html

    Andrea Bovenga

    RispondiElimina
  3. Una segnalazione la faccio anche io. SI è svolto un convegno organizzato da Fassina dal titolo "Titanic Europa". E' interessante che, a fronte di analisi anche ben fatte (non tutte) non ci sia uno straccio di strategia. L'euro non va, la crisi è profonda, grave. Che fare? La domanda resta senza risposta. http://www.radioradicale.it/scheda/405441/titanic-europa-invertire-la-rotta-delleuro-per-lo-sviluppo-e-il-lavoro

    RispondiElimina